Il primo e-commerce italiano dedicato a pazienti oncologici.

Un nuovo farmaco contro le resistenze da terapia ormonale. Esisterà davvero?

Ciao bellissima Donna,

come ti abbiamo già anticipato dal nostro ultimo post di Instagram, abbiamo scoperto che esiste un farmaco che potrebbe bloccare le resistenze da terapia ormonale.

Infatti, essendo che circa l’80% dei tumori al seno è positivo al recettore per l’estrogeno e il 65% a quello per il progesterone la terapia più efficace e mirata sarebbe la terapia ormonale (o endocrina).

La terapia ormonale agisce proprio tagliando la riserva di ormoni della quale si nutre il tumore per crescere, o comunque impedendo il loro legame con i recettori. 

Dagli anni ’90, la terapia endocrina migliorava e allungava il tempo di sopravvivenza da malattia quando somministrata per i 5 anni successivi all’intervento chirurgico. 

Nonostante questa efficacia però, alcuni tumori nel tempo possono diventare resistenti ai farmaci endocrini. Anche in presenza di una mutazione di un gene dei recettori estrogenici ESR1, i farmaci ormonali si sono mostrati finora inefficaci.

Da recenti studi, come una nuova ricerca pubblicata su Science Translational Medicine e condotta dal Dipartimento “Discovery Oncology” di Genentech (negli Usa), potrebbe esistere un farmaco in grado di risolvere questo problema.

Ovvero il farmaco di seconda generazione di nome Giredestrant. 

Quest’ultimo potrebbe funzionare anche quando il tumore presenta una mutazione genetica che lo rende resistente agli altri farmaci anti-ormonali.

Questo perché da tempo la ricerca nel campo del tumore al seno “ormonale” si sta concentrando su una nuova generazione di farmaci Serd (degradatori selettivi del recettore degli estrogeni), tra i quali Giredestrant. 

Come sono stati effettuati gli studi?

Gli studi sono stati effettuati studiando le ghiandole mammarie dei topi che presentavano una mutazione del gene ESR1.

Grazie a ciò, i ricercatori hanno notato che la mutazione promuoveva una ipersensibilità delle cellule al progesterone, che ne incentivava particolarmente la crescita. 

Tuttavia, se a questi topi veniva somministrato il farmaco giredestrant, la crescita si arrestava.

Attualmente, il farmaco è in sperimentazione (in uno studio clinico di fase 1) in un gruppo di pazienti metastatici con cancro positivo al recettore per gli estrogeni. 

In una di loro, la molecola ha mostrato segni di risposta parziale nel ridurre l’attività del recettore e nell’arrestare la crescita del tumore.

Risultati che aprono una possibile nuova strada ma che dovranno essere confermati in studi molto più ampi.

I dati dell’analisi ad interim di 83/202 pazienti arruolati nello studio coopERA sul cancro al seno hanno mostrato che, rispetto all’anastrozolo, giredestrant ha una migliore attività antiproliferativa e ha una buona sicurezza nel carcinoma mammario HR-positivo e HER2-negativo.

Comunque, ci auguriamo che questo nuovo farmaco possa essere una nuova opportunità per il futuro sulla ricerca del cancro al seno.

Speriamo che questo articolo ti sia piaciuto e ti ricordiamo che attraverso la campagna #NastroRosa AIRC a cui abbiamo aderito, potrai contribuire a sostenere la ricerca sul tumore al seno.

Questo semplicemente scegliendo qualcosa dal nostro shop, così che parte dei ricavati di tutto il mese di Ottobre, potranno essere devoluti alla Fondazione.

Tra i diversi prodotti disponibili sul nostro shop puoi trovare:

  • prodotti cosmetici: ne abbiamo di diversi marchi e di diverse tipologie. Dalle creme per il viso agli innovativi smalti in silicio.

Le caratteristiche principali che accomunano i nostri prodotti sono che hanno una composizione quasi al 100% di origine naturale e sono stati pensati per chi sta affrontando cure oncologiche.

Inoltre, sono studiati proprio per te e le tue esigenze, come pelle secca, cicatrici, dolori al cuoio capelluto, unghie deboli, e chi più ne ha più ne metta.

Ogni prodotto, in base alla categoria, oltre a migliorare esteticamente una parte del corpo o il viso, contribuisce anche a nutrire, proteggere e rafforzare.

Infatti, ogni turbante firmato Chemio World è stato realizzato con una fibra naturale particolare, ovvero il bambù.

Proprio per questo, è molto pratico da indossare, morbido e confortevole.

Si può abbinare a molti outfit ed è stato realizzato in doppio per essere molto coprente e ben rifinito.

E soprattutto, tutela l’ambiente, perché la pianta di bambù necessita solo di 1/3 dell’acqua che invece necessitano le altre piante.

Studiati nel minimo dettaglio, non lasciano segni, coprono bene la testa e proteggono il cuoio capelluto.

Niente effetto “schiacciato”, così da creare un effetto morbido sia con che senza capigliatura alla testa.
Infine, è utilizzabile anche se i capelli stanno ricrescendo e va bene anche con la parrucca.

Un forte abbraccio!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

X
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors